LUCI NELLE PIEGHE DELLA CITTÀ

 

Torno ancora sull’esperienza della visita alle famiglie. I sacerdoti, il diacono, le suore, accolti quasi sempre con cordialità e disponibilità, propongono di condividere una semplice preghiera. C’è chi aderisce con convinzione, altri forse per abitudine, qualcuno con un po’ di impaccio.

Là dove si vive l’intensità della fede e della preghiera si accende una luce, non solo per quella casa, chi la abita, la famiglia, ma per l’intero condominio, i vicini, il rione, la città.

Si intuisce che per qualcuno la preghiera non sia consuetudine o che la fede sia inquieta, o anche superficiale o smarrita o assente o muta, e che accogliere l’annuncio del Natale possa presentare qualche difficoltà. In questa molteplicità di situazioni, non pochi perseverano tenendo accesa una luce di speranza, di preghiera, di delicata attenzione alle esigenze del prossimo, di fede vissuta, umile, operosa. Non ultimo chi vive malattie gravi o preoccupazioni gravose e continua a confidare nella benevolenza di Dio.

Ci incoraggia un antichissimo testo cristiano, la Lettera a Diogneto: “I cristiani non si differenziano dagli altri uomini né per territorio, né per il modo di parlare, né per la foggia dei loro vestiti. Infatti non abitano in città particolari, non usano qualche strano linguaggio, e non adottano uno speciale modo di vivere. Risiedono in città sia greche che barbare, così come capita, e pur seguendo nel modo di vestirsi, nel modo di mangiare e nel resto della vita i costumi del luogo, si propongono una forma di vita meravigliosa e, come tutti hanno ammesso, incredibile”. I cristiani possono portare luce per tutti nelle pieghe e nelle ombre della città.

don Gianni